Messaggi chiave per i pronto soccorso [medici e dirigenti]

materiale informativo messaggi chiave materiale relativo agli strumenti

1.    Siete in una posizione importante per migliorare le prescrizioni di antibiotici sia nei pazienti ricoverati sia in quelli ambulatoriali, in quanto la vostra struttura funge da interfaccia tra l’ospedale e la comunità [77].

2.    Le terapie antibiotiche iniziate nel Pronto Soccorso influenzano fortemente la scelta di quale terapia verrà continuata nelle strutture ospedaliere o sul territorio [77].

Funzioni
3.    Funzioni cliniche relative al miglioramento dell’uso degli antibiotici includono [102] [consenso di esperti]:
a)    seguire le linee guida evidence-based locali in materia di antibiotici per le infezioni più comuni; 
b)    stabilire la prima dose di antibiotici per i pazienti ricoverati;
c)    prima di iniziare la terapia antibiotica, prelevare campioni adeguati per gli esami colturali che permetteranno di adattare la terapia o di interromperla durante l’ospedalizzazione;
d)    comunicare tutti gli aspetti rilevanti del contesto del paziente e le decisioni in merito al trattamento ai medici che seguiranno il paziente in ambito ospedaliero o ambulatoriale;
e)    informare i pazienti (e le loro famiglie) circa l’indicazione di una prescrizione di antibiotici, i possibili effetti indesiderati e il loro uso corretto.

4.    Le funzioni del Pronto Soccorso comprendono [77] [consenso di esperti]:
a)    rendere disponibili linee guida ospedaliere evidence-based in materia di antibiotici e percorsi clinici per la diagnosi, il trattamento e la gestione delle infezioni più comuni riscontrate nel Pronto Soccorso (ad esempio, infezioni delle vie respiratorie, infezioni della cute e dei tessuti molli, infezioni delle vie urinarie e sepsi). Queste dovrebbero includere l’indicazione, la scelta del farmaco, il dosaggio, la via di somministrazione e la durata del trattamento;
b)    assicurare che le linee guida prendano in considerazione la microbiologia locale e i pattern locali di resistenza agli antibiotici e rispecchino il prontuario farmaceutico ospedaliero;
c)    rafforzare la disponibilità dei risultati degli esami colturali e la loro interpretazione in tempo reale , coordinandosi con il laboratorio di microbiologia, in modo da condividere efficacemente i risultati con i medici prescrittori;
d)    istruire il personale sulle malattie infettive e sull’uso prudente degli antibiotici.

Cose che potete fare
5.    Seguire i protocolli di trattamento antibiotico, incentrati su linee guida evidence-based (ad esempio, sepsi [74], infezioni delle vie urinarie [103], infezioni della cute e dei tessuti molli [104]) e applicare le misure di prevenzione e controllo delle infezioni stabilite nella vostra struttura [31] [consenso di esperti].

6.    Raccogliere un’anamnesi completa del paziente quando si prescrive un antibiotico, tra cui uso recente di antibiotici, allergie ai farmaci, uso di terapie immunosoppressive e fattori di rischio per la resistenza agli antibiotici (ad esempio, recente ospedalizzazione, recente procedura medica o recente viaggio al di fuori dell’Europa) [31].

7.    Essere a conoscenza dei pattern locali di resistenza agli antibiotici sul territorio, nell’ospedale e nel reparto [31] [consenso di esperti].

8.    Iniziare il trattamento antibiotico solo se vi sono dati che confermino la presenza di un’infezione batterica e non trattare la colonizzazione [31,72].

9.    Evitare una profilassi antibiotica inutile [31,73].

10.    Nei pazienti con un’infezione grave, iniziare un trattamento antibiotico efficace quanto prima [31,74].

11.    Assicurare che siano prelevati campioni per gli esami colturali prima di iniziare la terapia antibiotica [31,42,70,71].

12.    Documentare nella cartella clinica del paziente l’indicazione al trattamento antibiotico, la scelta farmacologica, il dosaggio, la via di somministrazione e la durata del trattamento [31,42,70,71].

13.    In caso di dubbi prima di prescrivere un antibiotico, dovreste [25,26,53,70] [consenso di esperti]:
•    controllare i dati epidemiologici locali, regionali e nazionali;
•    chiedere indicazioni e consigli a un collega più esperto o a un membro del team di stewardship antibiotica.

14.    Partecipare regolarmente a corsi di formazione e riunioni che supportino in ospedale l’attuazione di: a) uso prudente degli antibiotici; b) linee guida locali evidence-based in materia di antibiotici; c) misure di prevenzione e controllo delle infezioni [52,53].